PLMA E-Scanner – novembre 2017

novembre, 2017
Grande crescita per i marchi di Tesco

Il maggiore distributore britannico rivela che le vendite del proprio marchio del distributore sono in rapida crescita. Tesco segnala che le vendite del proprio marchio del distributore sono aumentate del 4,6% su base annua e ora rappresentano il 50% delle vendite.

La crescita è stata stimolata da un forte sviluppo di nuovi prodotti. Tesco ha lanciato 807 nuove linee nella prima metà di quest’anno. I nuovi alimentari comprendono mini avocado, verdure dalle forme divertenti per bambini e birre prodotte localmente. Nel settore non alimentare, Tesco ha ora due nuovi marchi del distributore: la gamma di articoli per cucina Go Cook, comprendente coltelli, utensili vari e articoli per la cucina, e la gamma di casalinghi Fox & Ivy.

Secondo Retail Week, Tesco potrebbe aver ricevuto la fiducia per investire ulteriormente in venture del marchio del distributore grazie al successo dei suoi marchi entry-level Farms. I sette marchi di frutta fresca, verdure, carne e pollame sono stati lanciati nel 2016 per meglio combattere i discount e ora sono presenti nel 70% dei cestini dei clienti.

Tesco ha anche avviato un importante cambiamento del modo di lavorare con i suoi 8.000 fornitori. Il distributore di alimentari spiega che sta cercando di creare rapporti a lungo termine per aumentare il volume. Il CEO Dave Lewis segnala che 95 dei suoi fornitori hanno visto un aumento di oltre il 100% del proprio volume di vendita a Tesco nell’anno fino a maggio 2017. Altri 185 fornitori hanno segnalato crescite in volume di oltre il 50% e altri 330 hanno segnalato che il volume di merci vendute a Tesco è aumentato di almeno il 25%.

“C’è stato un periodo durante il quale la strategia di negoziazione di Tesco era quella di avere sempre più fornitori e di spostare il volume su una base di negoziazione commerciale. Con il mio arrivo abbiamo scelto di cambiare le cose, di cercare un numero inferiore di fornitori per un periodo più lungo, cercando effettivamente di migliorare insieme l’attività. Questo è ciò che abbiamo fatto con piccoli e grandi fornitori”, ha detto Lewis.

Amazon si dedica agli acquisti

Rapporti pubblicati indicano che Amazon sta contattando i distributori di alimentari francesi per creare accordi di distribuzione o fare acquisizioni nel paese. Secondo alcuni rapporti, Amazon ha contattato Leclerc, Casino, Intermarché e Système U.

“Sì, siamo stati contattati da Amazon”, ha detto Michel-Edouard Leclerc, il presidente di Leclerc a Reuters “Amazon potrebbe, essere nostro partner logistico. Perché no?”.

Le Monde ha segnalato che Amazon ha contattato Casino per la sua divisione Monoprix, ma Casino ha rifiutato di continuare ogni discussione. “Casino non intende vendere Monoprix”, ha scritto Le Monde, citando fonti interne di Casino.

Le Monde ha aggiunto che Amazon aveva anche contattato Intermarché e Système U. Nei precedenti mesi dell’anno, alcuni rapporti segnalavano che Amazon poteva essere interessata ad un’offerta per Carrefour che ha spiegato però di non voler commentare voci di mercato.

L’online cresce in dm

Dm, in Germania, afferma che le proprie vendite online sono cresciute di oltre l’80%. Ora è possibile ordinare circa 1.500 prodotti esclusivamente online disponibili per la consegna a domicilio o per il ritiro presso determinati negozi dm. I prodotti a marchio del distributore sono offerti anche online, in Cina. Il distributore spiega di aver fatto notevoli progressi nei propri servizi digitali durante lo scorso anno e di aver investito più di 20 milioni di euro nella sua affiliata IT.

Nello scorso anno finanziario, dm ha aperto e ristrutturato un totale di 90 negozi. Nel mercato nazionale tedesco, il distributore ha aperto 67 nuovi negozi, per un totale di 1.892. Il prossimo anno, l’azienda pianifica di investire più di 350 milioni di euro in ristrutturazioni, aperture di negozi, una nuova sede centrale a Karlsruhe e un nuovo centro di distribuzione a Wustermark.

I consumatori cercano affari online

I consumatori europei accedono sempre più alle informazioni su prodotti, promozioni e prezzi attraverso gli smartphone, secondo un’indagine di IRI su oltre 2.800 consumatori in Europa. È stato trovato che oltre un terzo degli acquirenti utilizza le applicazioni mobili per trovare informazioni sui prodotti e cercare le “offerte migliori”. Tra questi “ricercatori di informazioni digitali”, due terzi segnalano che i loro sforzi consentono risparmi di denaro. Oltre un terzo afferma di utilizzare Internet per cercare promozioni e offerte nei negozi, mentre il 22% utilizza Internet per identificare i negozi con i migliori affari in un determinato giorno.

Carrefour lancia un marchio sostenibile

Carrefour Italia ha lanciato Filiera Qualità, un marchio comprendente prodotti dei fornitori di Carrefour che lavorano secondo principi di sostenibilità, che prevedono protezione degli animali elencati tra le specie minacciate, alimentazione senza antibiotici, attenzione al benessere degli animali, protezione della biodiversità e qualità dell’ambiente di lavoro.

Separatamente, Carrefour ha introdotto una piattaforma online in Francia, denominata Merci Voisin (Grazie vicino), che prevede la consegna a domicilio degli ordini online dei clienti effettuata da altri clienti, per un piccolo sovrapprezzo.

Auchan sceglie i prodotti salutari

Auchan Italia ha lanciato una campagna per la consapevolezza, La Vita In Blu, che mira ad aiutare i consumatori a fare scelte alimentari migliori. Il distributore spiega che il programma si basa sulle opinioni del cliente ed è stato sviluppato in collaborazione con la comunità medico-scientifica italiana. Auchan afferma di aver valutato oltre 100.000 prodotti, selezionando articoli in ogni categoria che offrono il miglior bilanciamento nutrizionale tra proteine, fibre, vitamine e minerali e contenenti una quantità controllata di zuccheri, grassi saturi e sale. La selezione dei prodotti verrà aggiornata almeno ogni sei mesi.

L’iniziativa di Auchan ha creato qualche controversia in Italia, con Federalimentare, il gruppo che rappresenta il settore alimentare italiano, che la descrive come un “sistema di valutazione alimentare totalmente arbitrario”. Contemporaneamente, il presidente del comitato per la sicurezza alimentare del Ministero della Salute italiano, Giorgio Calabrese, ha detto che “la selezione di Auchan esclude molti prodotti della dieta mediterranea”.

Waitrose espande la gamma vegetariana

Waitrose nel Regno Unito sta introducendo 30 piatti nella gamma senza carni e aumentando lo spazio nei negozi dedicato agli alimentari vegetariani di circa il 35%. La gamma comprende piatti basati su verdure come crocchette di formaggio e cavolfiore, burger di barbabietole e uno stufato di verdure “arcobaleno”. Vi sono inoltre 11 nuovi prodotti adatti per vegani, compreso formaggio spalmabile al 100% senza prodotti latteo-caseari, pulled pork vegano e tofu fatto a mano.

La nuova gamma di Waitrose comprende inoltre un’esclusiva iniziativa in collaborazione con “The Vegetarian Butcher”, che ora lavora con proteine di soia come alternativa alla carne. L’azienda olandese ha stretto una collaborazione con Waitrose per sviluppare una gamma di piatti pronti, comprendenti tikka masala, lasagne e curry verde tailandese, del tutto simili alle versioni con carne del distributore, ma adatti ai vegetariani.

Il marchio del distributore cresce in Australia

IRI prevede che il marchio del distributore continuerà a crescere in Australia poiché i distributori si concentrano su più prodotti di livello premium. Il ricercatore spiega che i marchi del distributore rappresentano il 18% delle vendite in dollari dei beni di largo consumo e che questa crescita ha superato i marchi nazionali. La crescita in dollari del marchio del distributore del 3,9% in questo periodo è stata pari ad ulteriori 662 milioni nelle vendite, rispetto a una crescita del solo 2,2% per i marchi nazionali.

Nei negozi 

Tesco sta lanciando una linea di prodotti ecocompatibili per la pulizia della casa, con il nuovo marchio Eco Active. Il distributore sta inoltre introducendo una gamma premium di articoli per la cucina con il marchio Go Cook.

Carrefour segnala forti aumenti delle vendite in Polonia e Romania nell’ultimo trimestre.

E. Leclerc sta introducendo una gamma di alimentari premium con il marchio L’origine du goût.

Coop Italia ha introdotto 200 prodotti quest’anno e sta lanciando nuove linee di prodotti, tra cui Amici Speciali, Origine, Casa, Io e D’Osa.

Delhaize, in Belgio, ha ampliato la gamma di prodotti vegetariani. Ora nella gamma sono presenti quasi 100 prodotti vegetariani, circa 30 dei quali sono 100% vegani e 30 biologici.

Continente, in Portogallo, spiega che il 96% dei propri acquirenti hanno acquistato quest’anno un prodotto a marchio del distributore.

Aldi Nord e Aldi Süd stanno offrendo carte regalo utilizzabili in tutti i negozi Aldi in Germania.

Waitrose, nel Regno Unito, sta ampliando le prove del box di ricette Cook Well.

Migros sta lanciando una gamma di alimentari biologici per bambini con il marchio Mibébé. Tutti e 27 i prodotti hanno origine svizzera o tedesca.

Spar UK ha lanciato una gamma di 17 vini e pianifica di aggiungere vini regionali all’inizio del prossimo anno.

Spar Austria ha lanciato un nuovo drink al latte, Kefir Natur, ora disponibile in tutti i negozi Spar, Eurospar e Interspar.

Coop Switzerland ha lanciato tre nuovi condimenti nella linea Fine Food, per accompagnare piatti di manzo, agnello e pesce.

DIA in Spagna progetta di ristrutturare 600 negozi quest’anno.

In Polonia, Biedronka ha registrato un aumento del 13% per i primi nove mesi dell’anno, con l’apertura di 46 nuovi negozi e la ristrutturazione di altri 150.

Il norvegese Reitangruppen pianifica di aprire circa 55 negozi convenience 7-Eleven in Danimarca.

ICA Gruppen potrebbe vendere 17 dei propri negozi Rimi in Lituania, per ottenere l’autorizzazione ad acquisire UAB Palink, che gestisce il gruppo al dettaglio IKI.

Il distributore olandese Jumbo ha lanciato una gamma Veggie Chef, comprendente 21 prodotti vegetariani e 19 vegani.

Auchan sta lanciando un servizio click-and-collect in Francia, che dispone di una struttura con 250 armadietti a temperatura controllata, dove i clienti possono ritirare i loro ordini online di prodotti alimentari.

Prisma, un distributore estone nel gruppo finlandese SOK, ha iniziato a vendere circa 200 prodotti a marchio del distributore di Tesco.

Lidl ha annunciato piani per costruire il più grande centro di distribuzione nel Regno Unito.

Eurospin, in Italia, sta introducendo una gamma di prodotti biologici con il marchio Amo Essere Biologico.

Auchan pianifica di lanciare il prossimo anno un nuovo formato di ipermercato ed espanderà Auchan Minute, ora in Cina, ad altri paesi.

Edeka sta investendo 1,9 miliardi di euro quest’anno nelle operazioni in Germania.

Rewe Group intende aprire 250 negozi Rewe e Penny in Germania, oltre a 200 negozi in altri paesi.

Coop Sicilia e Coop Eridana il prossimo anno si uniranno a Coop Alleanza 3.0, la cooperativa di consumatori italiani con oltre 400 negozi in 12 regioni.

Kesko in Finlandia spiega che l’attività alimentare del gruppo mostra un aumento di vendite e redditività, con ottimi risultati tra tutte le proprie insegne alimentari.

Spar dispone ora di più di 30 negozi in nove città in Albania.

Il gruppo al dettaglio russo X5 Retail pianifica di vendere i negozi in formato convenience con l’insegna Perekrestok Express a Mosca.

Minipreço, l’unità portoghese del distributore spagnolo Dia, ha lanciato un’app che costituisce la versione digitale della carta fedeltà del cliente del supermercato.

Ricerche di mercato 
Gli acquirenti apprezzano i prodotti salutari

Oltre due terzi degli acquirenti europei acquistano alimentari più sani, con meno sale, zucchero, grassi o calorie, secondo un’indagine di IRI. È stato appurato che un’ampia proporzione dei consumatori acquista, inoltre, alimentari biologici, vegetariani e “senza”, facendo capire così che i consumatori prestano maggiore attenzione alla propria salute.

L’indagine è stata condotta su 2.600 acquirenti in Italia, Grecia, Spagna, Germania, Francia, Regno Unito e Paesi Bassi. La Germania guida il consumo dei prodotti biologici, dove il 67% dei consumatori afferma di acquistare articoli biologici.

Anche il numero di consumatori che acquistano prodotti vegetariani è elevato nella regione. IRI ha rilevato che il 39% dei consumatori europei acquista alimentari vegetariani diversificati, un aumento del 26% negli ultimi tre anni. I consumatori spagnoli sono più propensi all’acquisto di alimentari vegetariani, con il 44% che afferma di includere scelte senza carne nella spesa.

Un’altra area che ha testimoniato la crescita della domanda negli ultimi tre anni è la categoria senza, con il 33% di acquirenti che acquista prodotti senza lattosio, senza lievito o senza glutine. Oltre metà dei consumatori spagnoli acquista questi prodotti.

I vegetariani apprezzano i surgelati

Il movimento vegano e vegetariano potrebbe aiutare il reparto alimentari surgelati. Le vendite delle verdure surgelate in Italia sono cresciute del 4,1% negli ultimi otto mesi del 2017, secondo l’Istituto Italiano Alimenti Surgelati (IIAS), che ha segnalato che gli aumenti sono stati spinti da nuove tendenze alimentari, come i prodotti biologici e da una forte richiesta di prodotti vegetariani e vegani. La popolarità delle verdure ha contribuito alla crescita di tutta la categoria dei surgelati, con vendite in aumento del 2,9% nel periodo quest’anno, rispetto ai risultati piatti del 2016.

Notizie PLMA 
La Conferenza Tavola Rotonda si terrà il 21 e 22 febbraio a Dublino

Sono state fissate le date per la Conferenza Annuale Tavola Rotonda 2018 della PLMA, che si terrà il 21 e 22 febbraio a Dublino. La Tavola rotonda di quest’anno è dedicata alle sfide e alle opportunità che produttori e distributori affrontano nel tentativo di competere in un’attività che cambia più rapidamente che mai.

Guardando al futuro, la Conferenza analizzerà anche la crescente popolarità di Siri, Alexa e delle altre voci artificiali che possono rappresentare il successivo motivo di cambiamento per il marketing del marchio del distributore. Inoltre, PLMA presenta una sessione speciale sulla progettazione del packaging.

L’hotel ospitante per la conferenza è l’InterContinental Dublin. Per registrarsi o ricevere maggiori informazioni sulla Tavola Rotonda, contattare PLMA International Council al numero +31 20 575303 o inviare un’e-mail a conferences@plma.nl..

Eventi 
28-30 novembre 2017

Fiera del Marchio del Distributore di Shanghai
Shanghai, Cine

21-22 febbraio 2018

Conferenza Annuale Tavola Rotonda 2018
Dublino, Irlanda