PLMA E-Scanner – giugno 2020

giugno, 2020
Brian Sharoff, Presidente della PLMA, è morto a 77 anni

Brian Sharoff, Presidente della Private Label Manufacturers Association, la più grande organizzazione commerciale del settore del marchio del distributore, è scomparso dopo una breve malattia all'età di 77 anni.

“Questo è un giorno triste per tutta la famiglia PLMA”, ha dichiarato Lisa Manzoline, presidente del consiglio di amministrazione della PLMA. “Grazie al grande impegno e alla dedizione di Brian Sharoff, la Private Label Manufacturers Association si è sviluppata fino a diventare una risorsa vitale e indispensabile per fornitori e distributori di tutto il mondo. La leadership di Brian ci mancherà moltissimo.”

Brian era stato nominato Presidente della PLMA nel 1981, poco dopo la fondazione dell'associazione. Durante la sua permanenza in carica il numero di soci è aumentato in modo esponenziale, passando da duecento tra produttori, fornitori e broker negli Stati Uniti a oltre 4.400 aziende in tutto il mondo. 

La fiera internazionale annuale “Il Mondo del Marchio del Distributore” della PLMA, che si svolge ogni anno nel mese di maggio presso il Centro Esposizioni RAI di Amsterdam, accoglie ormai più di 4.500 stand e rappresenta i produttori di circa 75 paesi. La fiera attira acquirenti provenienti da Europa, Asia, Africa e Medio Oriente.

La fiera della PLMA che si tiene ogni anno nel mese di novembre presso il Rosemont Convention Center di Chicago è l'evento del settore che attira il maggior numero di acquirenti del marchio del distributore negli Stati Uniti. È qui che i dirigenti di supermercati, catene di drugstore, ipermercati e altri distributori si concentrano per trovare fornitori e nuovi prodotti.

Oltre a organizzare queste fiere commerciali, la PLMA offre conferenze e programmi formativi durante tutto l'anno; pubblica inoltre ricerche e studi esclusivi. Negli ultimi anni l'associazione ha prodotto numerosi programmi video originali, volti a fornire notizie e informazioni sia agli addetti del settore che ai consumatori.

I distributori difendono le alleanze di acquisto

I distributori europei si difendono dalle accuse secondo cui le alleanze di acquisto danneggino la concorrenza e costituiscano una pratica scorretta nei confronti dei fornitori. EuroCommerce, che rappresenta il settore del commercio al dettaglio e all'ingrosso, ha espresso sostegno alle alleanze, a seguito di un'indagine promossa dall'Unione Europea volta a individuare eventuali pratiche commerciali scorrette.

Christian Verschueren, direttore generale di EuroCommerce, ha dichiarato: “I distributori hanno margini ristretti. I grandi fornitori multinazionali operano a livello globale, ottengono margini considerevoli e hanno la prerogativa di stabilire le condizioni nell'ambito della catena di fornitura. I distributori, la maggior parte dei quali è presente solo in pochi paesi europei, stringono alleanze per contribuire a creare una ragionevole base di negoziazione con le grandi aziende produttrici e trasferire il vantaggio al consumatore”.

Il marchio del distributore cresce in Francia

Secondo gli ultimi dati raccolti da Nielsen, in Francia le vendite dei prodotti a marchio del distributore hanno subito una forte impennata durante la pandemia. La società di ricerca ha rilevato che il fatturato registrato dai marchi del distributore è cresciuto del 16% durante un periodo della pandemia rispetto a un aumento di appena il 6% registrato dai marchi di qualità A. I risultati pubblicati da Nielsen riguardano le vendite di tutti i canali di distribuzione e della maggior parte dei reparti dei negozi. 

“La crescita del marchio del distributore dimostra che i consumatori prestano maggiore attenzione a quanto spendono, ma anche che le forze vendita dei produttori non sono più presenti nei negozi e che i grandi marchi hanno lasciato il posto ai marchi del distributore”, spiega Emmanuel Fournet, responsabile Insight & Analytics presso Nielsen.

IRI osserva la crescita del marchio del distributore

Secondo la società di ricerche di mercato IRI, durante la pandemia le vendite dei prodotti a marchio del distributore sono aumentate, soprattutto in Francia e in Italia, registrando una lieve accelerazione negli altri paesi. Le vendite di cibi surgelati e alcolici sono ancora alte, mentre le categorie non alimentari registrano una crescita più contenuta rispetto alle settimane precedenti. L'e-commerce continua a registrare una forte crescita rispetto allo scorso anno, specialmente in Italia, Francia e Spagna. In alcuni paesi, sebbene le restrizioni che esortavano a rimanere a casa si siano allentate, il comportamento di acquisto è rimasto in gran parte invariato.

Schwarz sfida Amazon

Il Gruppo Schwarz, capogruppo di Lidl, sfida Amazon con l'introduzione di un proprio servizio di cloud computing per i distributori terzi. Lebensmittel Zeitung riferisce che Schwarz ha acquisito un'azienda specializzata in software che aggiunge 70 esperti cloud a un gruppo di risorse digitali.

Contestualmente Amazon sta espandendo il servizio di consegna di generi alimentari Prime Now attraverso partnership con Morrisons nel Regno Unito e DIA in Spagna. Tale servizio sarà disponibile nelle dieci maggiori città del Regno Unito, mentre in Spagna è presente a Madrid, Valencia e Barcellona.

Lidl riorganizza il reparto acquisti

Lidl sta riorganizzando il reparto acquisti. Secondo quanto riferito da LZ, con tali cambiamenti il discount si prepara a diventare ancora più aggressivo in vista della recessione derivante dalla pandemia. Dominika Kubisch è stata nominata responsabile del reparto acquisti in Germania, di gran lunga il paese più importante per Lidl. Prima di questo incarico, Kubisch era responsabile degli acquisti a livello internazionale presso la Fondazione Lidl.

Jan Bock, precedentemente direttore del reparto acquisti in Germania e responsabile dell'aggiornamento della gamma negli ultimi anni, passa alla gestione degli acquisti internazionali per diversi paesi: Paesi Bassi, Belgio, Irlanda, Repubblica Ceca e Slovacchia. La gestione dei restanti paesi in cui Lidl opera è suddivisa tra i capi divisione Marco Giudici e Adam Miszczyszyn e l'amministratore delegato Mark Hache.

Walmart intende riaprire le trattative riguardanti Asda

Walmart ha dichiarato che probabilmente riaprirà le trattative finalizzate a vendere la quota di maggioranza in Asda una volta superata l'emergenza Coronavirus. “È altamente probabile che le trattative riprenderanno, ma solo quando Walmart riterrà che sia giunto il momento opportuno”, ha riferito a Reuters Roger Burnley, CEO di Asda.

“Non vi è motivo di rinunciare alle discussioni, a tempo debito, quando sapremo come gestire la nuova normalità”, ha affermato aggiungendo: “Non penso affatto che l'interesse sia diminuito”.

Carrefour registra un aumento delle vendite

Nel primo trimestre Carrefour ha registrato un notevole aumento delle vendite in tutti i paesi. 

Su base comparabile la crescita è stata del 4,3% in Francia, 6,1% nel resto d'Europa, 17,1% in America Latina e 6,0% in Taiwan. È stata registrata una differenza considerevole tra i generi alimentari (+9,9%) e i prodotti non alimentari (-3,5%). Il settore dell'e-commerce alimentare ha registrato un incremento del 45%, le vendite dei prodotti biologici sono cresciute del 30%.

In Francia la crescita ha interessato principalmente i supermercati (+8,1%) e i negozi di vicinato (+11,0%), mentre gli ipermercati hanno subito una lieve crescita pari allo 0,9%. Nel primo trimestre il Belgio ha registrato vendite per 1,053 miliardi di euro, ovvero un aumento del 6,2% su base comparabile. In altri paesi europei sono stati registrati i seguenti aumenti delle vendite su base comparabile: +2,5% in Italia, +6,6% in Spagna, +8,8% in Polonia e +9,7% in Romania.

Gli acquisti online salgono al 13% nel Regno Unito

Secondo Nielsen, nel Regno Unito le vendite online di prodotti alimentari hanno raggiunto il 13% della spesa complessiva. Si tratta di un valore quasi doppio rispetto a quello registrato nello stesso periodo dello scorso anno (7%), che segna un nuovo record delle vendite online di prodotti alimentari sul mercato del Regno Unito.

La società di ricerca ha riferito che, nell'arco di quattro settimane, 7,9 milioni di famiglie britanniche hanno effettuato almeno un ordine di alimentari online, rispetto ai 4,8 milioni registrati nello stesso periodo dello scorso anno. Inoltre, 1,1 milioni di tali consumatori erano nuovi utenti delle piattaforme per la spesa online. I dati raccolti da Nielsen rivelano anche che le visite ai negozi sono diminuite del 24% nelle ultime quattro settimane; tuttavia la spesa per ogni visita è stata superiore a quella del periodo natalizio, con un aumento del 45% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

La Russia esige il controllo dei prezzi

Il governo russo intende limitare il margine commerciale per determinati prodotti che considera "socialmente rilevanti”. Tali prodotti includono alimenti di base e articoli di uso quotidiano. La normativa proposta prevede che il margine di profitto per i suddetti prodotti sia limitato al 20% del prezzo all'ingrosso o al 50% del prezzo di vendita del produttore. 

Finora la normativa esistente permette solo all'agenzia antitrust russa (FAS) di imporre un prezzo massimo per gli alimenti di base a livello regionale, qualora venissero riscontrati rincari superiori al 30% per tali articoli entro un mese. 

Come primo passo, il parlamento ha ampliato da 24 a poco meno di 50 il numero dei gruppi di prodotti regolamentati. Oltre ai generi alimentari sono contemplati disinfettanti e detergenti, articoli per l'igiene personale e prodotti per neonati e per animali.

Nei negozi 

Secondo Kantar le vendite annue del marchio del distributore di Tesco si attestano a circa 18 miliardi di sterline nel Regno Unito, che rappresenta quasi un quarto del mercato.

Secondo Kantar, attualmente Aldi detiene il 12,2% del mercato del marchio del distributore nel Regno Unito e lo scorso anno ha registrato l'8% di crescita per valore. La gamma premium Specially Selected del distributore vanta vendite per oltre 1 miliardo di sterline.

Casino progetta di aprire 300 negozi convenience in Francia entro il prossimo anno.

Esselunga intende ampliare il numero di negozi di vicinato con l'insegna La Esse.

Il distributore online Ocado nel secondo trimestre ha registrato un aumento vertiginoso dei ricavi, pari al 40% su base annua.

Il distributore spagnolo Caprabo prevede di aprire un centro di distribuzione di prodotti freschi su una superficie di 24.600 metri quadrati a Barcellona. La struttura è destinata a rifornire 300 supermercati in tutto il paese. 

L'agenzia di regolamentazione della Spagna ha approvato il progetto di Eroski per l'acquisizione di 10 supermercati Simply nella provincia di Biscaglia. Eroski intende rinnovare i negozi secondo il format Contigo. 

Secondo i rapporti pubblicati, Lidl si sta preparando a lanciare un e-commerce alimentare in Polonia. 

Despar Italia riferisce che le vendite dei suoi prodotti a marchio del distributore sono aumentate del 5,7% raggiungendo 354 milioni di euro nel corso dell'anno finanziario 2019. Inoltre il distributore sta aggiungendo 16 SKU alla sua gamma Despar Enjoy.

Nei Paesi Bassi, Aldi sta introducendo un assortimento di prodotti salutari con il marchio Disney Kitchen, le cui confezioni raffigurano i personaggi Disney.

Nel Regno Unito, Waitrose sta rilanciando la gamma Essential dopo circa 10 anni dalla sua introduzione. L'iniziativa prevede l'aggiunta di oltre 200 prodotti di categorie quali cura della pelle, yogurt e ingredienti surgelati.

Lidl Regno Unito sta introducendo 10 gin, tra cui uno all'aroma di alga e oceano.

Tesco ha lanciato Fire Pit, un assortimento di otto carni fresche marinate per grigliata e contorni assortiti, ispirati alla tendenza del barbecue all'americana.

Spar Austria fornisce cinque bevande in bottiglie di vetro riutilizzabili.

Il distributore olandese Plus ha introdotto una gamma di piatti pronti freschi. L'assortimento riguarda quattro segmenti: cucina del mondo, cucina olandese, specialità orientali e piatti italiani.

Il servizio di consegna espressa di Perekrestok ora copre l'intera città di Mosca.

Kaufland ha introdotto prodotti a base di insetti in Croazia. 

Il distributore polacco Żabka ha lanciato una gamma di bevande salutari e funzionali con il marchio S!.

Asda sta lanciando un assortimento di miscele per prodotti da forno con il marchio Arise Bakery.

Lidl Finlandia offrirà una nuova linea premium di alimenti per animali con il marchio Pure Taste.

Ricerche di mercato 
Tornano di moda le promozioni

Con il graduale ritorno degli inventari alla normalità, i supermercati del Regno Unito stanno ampliando l'attività promozionale. La società di ricerche di mercato Edge by Ascential riferisce: “Con l'allentamento del lockdown nel Regno Unito diminuisce la preoccupazione tra i consumatori britannici, che non sentono più la necessità di fare scorte di beni alimentari. Grazie alla ritrovata fiducia, molti supermercati del Regno Unito hanno deciso di aumentare le attività promozionali”.

Edge ha riferito che di recente il distributore online di alimentari Ocado ha aumentato l'attività promozionale del 76%. Altri incrementi hanno interessato Waitrose (+44%) e Tesco (+15%). La società ha monitorato anche i livelli delle scorte dei supermercati riscontrando incrementi presso Morrisons, Sainsbury’s, Tesco e Waitrose. L'aumento maggiore, pari al 3,6%, è stato registrato da Morrisons.

Notizie PLMA 
Fiera “Il Mondo del Marchio del Distributore” 2020 della PLMA rinviata al 2-3 dicembre

A seguito dei recenti provvedimenti governativi che vietano lo svolgimento di grandi eventi, come ad esempio le fiere commerciali, durante l'emergenza Coronavirus, la fiera internazionale “Il Mondo del Marchio del Distributore” 2020 della PLMA, programmata per il 26-27 maggio di quest'anno, è stata rinviata e avrà luogo il 2-3 dicembre (mercoledì e giovedì) presso il Centro Esposizioni RAI di Amsterdam.

“Considerate le restrizioni governative, le chiusure, le incertezze e le preoccupazioni personali, il rinvio era inevitabile. Il team della PLMA e tutti i partner interessati si impegneranno a fondo e con il massimo entusiasmo in vista delle nuove date di dicembre”, ha dichiarato l'associazione.

Eventi 
15-17 novembre

Fiera del Marchio del Distributore degli Stati Uniti della PLMA
Chicago

2-3 dicembre

Fiera internazionale “Il Mondo del Marchio del Distributore” 2020 della PLMA
Amsterdam