La richiesta di un'esperienza di acquisto comoda e senza intoppi ha portato a negozi più automatizzati, ce ne parla Judith Kolenburg. Meryl Perrot esamina la tendenza "ricarica o restituisci".
Guarda il video qui.

 

 


La sfida della sostenibilità con Ana Amaral, Direttore del marchio del distributore di Sonae MC; Filip Wallays, Co-CEO di Agristo NV; e Marjan de Bock-Smit, Managing Partner, Impact Buying BV. Guarda il video qui.

 

 

PLMA E-Scanner – gennaio 2022

gennaio, 2022
Maggiori investimenti in sicurezza informatica a seguito degli attacchi hacker alle catene

L'anno scorso diversi distributori sono stati hackerati. Nel mese di luglio, Coop Svezia ha dovuto chiudere tutti i suoi 800 negozi per giorni dopo che le casse dei punti vendita e le casse self-service avevano smesso di funzionare. L'obiettivo dell'attacco non era il distributore, ma un grande fornitore di software con cui l'azienda lavorava. In ottobre, l'app e il sito web di Tesco sono rimasti bloccati per due giorni in seguito a un attacco informatico che ha impedito ai clienti di effettuare gli ordini. In dicembre, più di 300 negozi Spar riforniti da James Hall nel Regno Unito sono stati vittime di un attacco hacker che li ha costretti a chiudere. I sistemi informatici del grossista sono stati invasi e gli hacker hanno ottenuto l'accesso ai sistemi interni, che gestiscono tutto, dal controllo delle scorte alla logistica.

I casi registrati evidenziano la crescente preoccupazione tra i distributori, sia per gli attacchi mirati sia per gli attacchi che mietono più vittime simultaneamente, essendo diretti ai fornitori. Nel settore sempre più digitalizzato della vendita al dettaglio, investire nella sicurezza informatica diventa ancora più importante. Il gruppo Schwarz, proprietario di Lidl e Kaufland, ha recentemente acquisito una quota di maggioranza nella società di sicurezza informatica israeliana XM Cyber. Questa società simula gli attacchi, utilizzando tecniche di hacking, per identificare eventuali falle nelle architetture IT delle aziende e risolvere eventuali criticità.

Dove si trova? I distributori testano le app di orientamento nei negozi

Nel Regno Unito, diversi distributori stanno sperimentando delle app che indicano ai clienti dove si trova un determinato prodotto all'interno del negozio. Marks & Spencer utilizza uno strumento sviluppato dalla startup Dent Reality. Quando l'utente inserisce un prodotto, sul display viene visualizzato il percorso da seguire per raggiungere lo scaffale in questione. Inoltre, è possibile inserire l'intera lista della spesa e l'app calcola il percorso ottimale tra un articolo e l'altro. Lo strumento sfrutta la realtà aumentata: quando il telefono è tenuto in alto, vengono visualizzati degli indicatori rivolti verso il prodotto sullo scaffale; quando è tenuto in basso, una bussola indica la direzione da seguire per raggiungere il prodotto desiderato. Il distributore intende migliorare sia l'esperienza dei clienti nel negozio sia l'efficienza degli addetti alla preparazione delle spese online. Se la sperimentazione avrà successo, molto probabilmente l'app verrà integrata in quella di Marks & Spencer.

Anche Asda sta sperimentando un'app di orientamento sviluppata in collaborazione con l'azienda statunitense Goodmaps. La tecnologia dovrebbe aiutare le persone non vedenti o ipovedenti a muoversi più agevolmente all'interno del negozio. L'app individua la posizione dell'utente entro un raggio di un metro, quindi fornisce le indicazioni per raggiungere un prodotto o una zona particolari tramite messaggi vocali, immagini di grandi dimensioni e comandi tattili. I consumatori potranno individuare luoghi specifici all'interno del negozio, come la farmacia, i bagni e le casse; ma è possibile utilizzare l'app anche per reperire determinati prodotti sugli scaffali. In questo caso lo scopo dell'app è condurre il cliente il più vicino possibile all'articolo desiderato. Sebbene l'app sia utile soprattutto per le persone non vedenti o ipovedenti, tutti i clienti potranno trarne vantaggio.

Carrefour unisce le forze con Meta (ex Facebook)

Carrefour ha annunciato una partnership strategica con Meta, il nuovo nome di Facebook. La partnership coinvolge i paesi che fanno parte del gruppo, ovvero Francia, Italia, Spagna, Romania, Polonia, Belgio, Taiwan, Argentina e Brasile.

La cooperazione interesserà numerosi aspetti delle attività di Carrefour: comunicazione interna, esperienza dei dipendenti, relazioni con i clienti, pubblicità digitale, digitalizzazione degli opuscoli, comunicazione a livello locale e social commerce. Comprenderà diversi servizi e piattaforme Meta, come Facebook, Instagram, WhatsApp, Messenger e Workplace.

Meta integrerà Carrefour tra i programmi di sviluppo dell'esperienza mobile. In tal modo, aiuterà Carrefour a costruire il futuro del suo ambiente mobile. Allo scopo di digitalizzare l'esperienza dei clienti, il Gruppo collaborerà con Meta per offrire esperienze immediate e più personalizzate mediante le piattaforme WhatsApp e Messenger.

Le aziende svilupperanno uno strumento congiunto per indirizzare e valutare le campagne pubblicitarie nell'ambito di Carrefour Links, la piattaforma di Carrefour che riunisce tutte le iniziative mediatiche allo scopo di migliorare l'efficacia delle campagne pubblicitarie. Inoltre Carrefour inizierà a esplorare, insieme a Meta, le opportunità offerte dalla realtà virtuale per la formazione dei dipendenti.

Aldi armonizza i suoi marchi in diversi mercati nazionali

Aldi Nord intende rendere le sue gamme a marchio del distributore più uniformi a livello internazionale. Nella prima fase, le gamme di prodotti in Francia, Belgio e Paesi Bassi saranno esaminate per individuare possibili sinergie. I contenitori e i design dei prodotti che funzionano meglio in più paesi rimarranno nella gamma.

Il distributore non intende privare i singoli paesi della loro autonomia, tuttavia ritiene che la sinergia comporti un risparmio di fatica e denaro sia per i produttori che per il distributore stesso. Aldi ha volutamente scelto i paesi con le vendite più alte per conseguire risparmi velocemente.

Pieter Pot punta all'espansione nel mercato dell'e-grocery a zero rifiuti

L'azienda olandese Pieter Pot, specializzata nell'e-grocery, ha ricevuto un investimento di 9 milioni di euro per espandere i propri servizi in Europa. L'azienda gestisce un servizio di consegna di generi alimentari basato su un'economia circolare a zero rifiuti. I clienti ordinano i prodotti online e li ricevono in contenitori riutilizzabili, per i quali viene addebitato loro un deposito. Alla consegna dell'ordine successivo, l'autista ritira i contenitori vuoti e il deposito viene riaccreditato sul conto del cliente. I contenitori vengono riutilizzati almeno quaranta volte.

Il distributore si impegna a rendere circolare anche la catena di fornitura. Per esempio, si rifornisce all'ingrosso di olio d'oliva che riceve in un fusto da 1000 litri; il fusto viene quindi reso al produttore per essere riempito nuovamente.

L'azienda è stata fondata a Rotterdam nel 2019 e attualmente opera nei Paesi Bassi e in alcune aree del Belgio. Il nuovo finanziamento le consentirà di espandersi presto in nuove aree geografiche come Regno Unito, Francia, Germania e Scandinavia.

Le grandi città frenano la corsa dei dark store delle società di consegne rapide

I referenti amministrativi di sei grandi città olandesi si riuniranno per discutere la questione del proliferare dei magazzini utilizzati dagli attori del quick commerce. Il distretto di Amsterdam West non ha perso tempo e ha già ordinato alla società di consegne rapide Zapp di chiudere un dark store. In Francia, le città di Parigi e Lione intendono limitare il numero di dark store nelle rispettive municipalità. Disturbo arrecato al vicinato, incompatibilità con i piani urbanistici e minaccia per i negozi locali sono alcuni degli aspetti che preoccupano le città.

Nei negozi 

Il servizio di consegna ceco Rohlik è alla ricerca di fornitori in Europa per ampliare la presenza dei marchi del distributore. L'azienda, che opera in Repubblica Ceca, Germania, Austria e Ungheria, intende espandere i propri marchi di fascia bassa nonché introdurre marchi propri nel segmento di fascia alta.

Tegut sta espandendo il suo format di distributore automatico. Nel nuovo anno è prevista l'apertura di venti negozi Teo che si aggiungono ai dieci già esistenti. L'esclusivo e premiato negozio automatizzato senza casse aprirà i battenti in aree urbane e anche in forma di negozio di paese.

Aldi UK sta incrementando il numero di fornitori regionali nel Regno Unito. L'azienda intende aggiungere 100 nuovi fornitori britannici e prevede di spendere 3,5 miliardi di sterline in più all'anno per acquisti a livello regionale.

Carrefour sta introducendo in Spagna una nuova gamma di prodotti gourmet con il marchio Carrefour Extra. La gamma è composta da circa 200 articoli, il 70% dei quali di produzione spagnola.

Pam Panorama ha introdotto Pam Flash, un servizio di spesa con consegna a domicilio nell'arco di mezz'ora.

Morrisons sta realizzando "mini allevamenti" di insetti presso allevamenti di galline ovaiole all'aperto, allo scopo di fornire cibo naturale alle galline e ridurre l'uso della soia. Gli insetti saranno nutriti con gli scarti di frutta e verdura provenienti dal sito del distributore, così da creare un sistema di alimentazione circolare basato sugli scarti.

Netto Marken-Discount ha aperto il primo negozio indipendente Pick & Go a Monaco di Baviera. Si tratta di un negozio ibrido: i clienti possono fare la spesa autonomamente senza eseguire la scansione né pagare alla cassa, oppure optare per una spesa tradizionale ed effettuare il pagamento alla cassa.

Spar Slovenia offre prodotti premium innovativi, firmati da tre chef Michelin locali, nell'esclusiva linea SPAR Premium.

Aldi avvierà l'introduzione su larga scala del nuovo format Aniko 2.0 nei Paesi Bassi nella prima metà di quest'anno. I negozi pilota 2.0 hanno riscosso un tale successo tra i clienti da spingere l'azienda ad accelerare la conversione.

Carrefour sta modificando il sistema di pagamento in tutto il mondo. Il nuovo programma, denominato Smartpos, è stato progettato con l'intento di eliminare gli aspetti fastidiosi per i consumatori e di disporre di uno strumento che consenta di gestire meglio la relazione con i clienti.

Caprabo prevede di investire 100 milioni di euro nei prossimi cinque anni. Parte dell'investimento è destinata al piano di trasformazione dei negozi in un modello per le nuove generazioni. Questo piano dovrebbe essere ultimato nel 2023 con un investimento globale di oltre 60 milioni di euro.

Penny ha introdotto il servizio Scan & Go in 160 negozi. I clienti possono registrare gli acquisti mediante il telefono cellulare. In futuro questo servizio sarà disponibile in tutti i negozi.

X5 Group, uno dei principali distributori di alimentari della Russia, ha annunciato che Perekrestok sperimenterà un nuovo format di negozio a insegna Jam Perekrestok, con una superficie di vendita inferiore a 300 metri quadrati e un assortimento limitato, comprendente i prodotti più venduti. La quota di prodotti a marchio del distributore è del 30%.

Monoprix rilancia la gamma completa di prodotti per il make-up, il cui nome cambia da Monop’ Make-Up a Monoprix Make-Up. La gamma è stata riformulata e resa più ecologica, sia nella composizione dei prodotti che nell'imballaggio.

In Croazia, Konzum accetta pagamenti in criptovalute nei suoi negozi online. Si tratta del primo distributore locale che offre questo servizio di pagamento.

Albert Heijn sta sperimentando un'app per smartwatch, denominata AH Wear, che potrebbe aiutare i consumatori a fare la spesa. Dopo aver installato l'app sullo smartwatch e sul telefono, i clienti possono utilizzare la carta fedeltà di AH e riscattare i buoni spesa mediante l'orologio. Inoltre possono visualizzare la lista della spesa che hanno creato e aggiungere o rimuovere i prodotti.

Lidl UK ha annunciato che intende creare 4.000 nuovi posti di lavoro nel paese, con un obiettivo di 1100 negozi entro la fine del 2025. I negozi saranno dotati di pannelli solari e di colonnine di ricarica per veicoli elettrici.

Ricerche di mercato 
Rapporto: "I prezzi dei generi alimentari restano alti nel 2022"

Secondo Rabobank, quest'anno una nefasta combinazione di pressioni inflazionistiche manterrà alti i prezzi dei generi alimentari, che hanno già toccato il livello più alto degli ultimi 10 anni.
A detta della banca, le condizioni meteorologiche continueranno a ostacolare i principali produttori di derrate alimentari nelle Americhe e in Australasia, prolungando l'inflazione in corso causata da fertilizzanti, manodopera e trasporti sempre più costosi. È improbabile che la crescente pressione sui prezzi dei generi alimentari a livello globale, accompagnata da condizioni meteo imprevedibili, aumento dei prezzi al consumo, crisi energetica e carenza di manodopera, si allenti in tempi brevi. Di conseguenza, nel 2022 i prezzi non torneranno ai livelli pre-pandemia.

Riprogettazione del manubrio del carrello per incentivare gli acquisti

Secondo uno studio condotto dalla Bayes Business School di Londra tra 2359 consumatori del Regno Unito, la riprogettazione del manubrio dei carrelli della spesa potrebbe portare a un incremento delle vendite pari al 25%.

Lo studio rivela che l'uso di un carrello della spesa standard dotato di un manubrio orizzontale, come quelli che si trovano solitamente nei supermercati, attiva il muscolo tricipite del braccio, mentre l'uso di un carrello di nuova concezione provvisto di maniglie parallele, come quelle di una carriola, attiva il muscolo bicipite. La ricerca psicologica ha dimostrato che l'attivazione dei bicipiti è associata alle cose che ci piacciono, mentre l'attivazione dei tricipiti è associata al rifiuto delle cose che non ci piacciono.

I risultati indicano che i distributori potrebbero registrare un aumento delle vendite fornendo ai clienti carrelli dotati di maniglie parallele, mentre è probabile che i consumatori esercitino un controllo maggiore sulla spesa se utilizzano un carrello standard.

Dalle interviste è emerso che i principali produttori di carrelli per la spesa non avevano mai preso in considerazione l'uso di maniglie parallele e sono rimasti sorpresi nell'apprendere che la posizione delle maniglie possa avere un impatto sulle vendite.

Notizie PLMA 
Relatori confermati per la Conferenza Tavola Rotonda online, 23 e 24 febbraio 2022

Il tema di quest'anno è "La forza della sostenibilità". Condurre un'attività del marchio del distributore in modo sostenibile è una vera sfida sia per i distributori che per i produttori, che tocca ogni aspetto delle operazioni aziendali: dall'approvvigionamento, composizione dei prodotti e trasporto fino alla lavorazione, imballaggio, trattamento dei rifiuti, progettazione di negozi e magazzini. Quali sono le motivazioni e gli ostacoli legati alle scelte di sostenibilità? Qual è il ruolo del consumatore? In che modo le aziende possono trasformare il costo del cambiamento in un futuro di successo?

Tra i relatori ci saranno Boris Planer, Head of Consumer and Market Insight presso WGSN, che fonirà un’introduzione al "Panorama delle vendite al dettaglio online"; e Marjan de Bock-Smit, Managing Partner di ImpactBuying, che discuterà degli "Scopi della sostenibilità". Inoltre, Kevin Vyse, Head of Technical presso ProAmpac parlerà di "Net Zero e percorso circolare per un packaging migliore"; mentre Peter Hinnsen, futurologo, autore e relatore principale, elaborerà il tema della "Nuova normalità nel panorama tecnologico globale", a cui seguirà l’analisi di un caso studio sul commercio al dettaglio ed un dibattito fra esperti sul potere della sostenibilità.

Per eseguire la registrazione o per ulteriori informazioni, clicchi qui.

PLMA Global Fiera del Marchio del Distributore Online - 28 al 31 marzo 2022

La PLMA ha il piacere di annunciare PLMA Global, un evento online che si svolgerà dal 28 al 31 marzo 2022. Questa iniziativa, volta a integrare le fiere in presenza della PLMA, consentirà ai produttori di tutto il mondo di incontrare gli acquirenti dei due eventi di riferimento del settore, ovvero le fiere di Amsterdam e di Chicago, indipendentemente dal paese di provenienza. Nel corso di PLMA Global i compratori potranno entrare in contatto con gli espositori attraverso videochiamate, scambio di biglietti da visita e altri strumenti di comunicazione online. La possibilità per gli acquirenti di pianificare gli incontri in anticipo è una funzione chiave della piattaforma.

Per ulteriori informazioni su PLMA Global per espositori o visitatori, clicchi qui.

Eventi 
23 e 24 febbraio 2022

Conferenza Tavola Rotonda online della PLMA

28-31 marzo 2022

PLMA Global Fiera del Marchio del Distributore Online

31 maggio e 1 giugno 2022

Fiera internazionale "Il Mondo del Marchio del Distributore" della PLMA
Amsterdam